FEDI IN GIOCO - Cinema e dialogo interreligioso (2^a edizione)

Abbiamo davvero bisogno della religione? Le religioni sono necessarie alla convivenza sociale? Sono questi interrogativi che toccano da vicino ognuno di noi e riguardano la società contemporanea, sia dal punto di vista delle esistenze individuali, sia sul piano più generale della politica e della cultura.

Nel mondo il numero di chi si professa “non religioso” è in continuo aumento. In controtendenza, invece, proprio mentre le credenze religiose sembrano sparire, si assiste al ritorno del "fondamentalismo religioso" e si parla di "scontro tra civiltà" in relazione soprattutto ai fatti di cronaca nera che hanno coinvolto molte città europee. Proprio nel momento in cui la religione sembra perdere il suo ascendente si torna a parlarne, almeno in Europa occidentale, sia all’interno dell’opinione pubblica che con indagini di tipo sociologico, riconquistando il prestigio che aveva un tempo. Questo succede nell'Occidente che ha bisogno di chiedersi quale sia davvero il valore della religione.

 

La risposta al bisogno di religione può essere positiva solo se le religioni diventano «riserva di senso». Non tanto come strumenti di integrazione sociale, quanto e soprattutto per riconoscere e difendere valori essenziali come quello della dignità umana.

Anche nelle società del pluralismo culturale possono esistere valori universali. Il valore della dignità umana diventa accessibile e sperimentabile per le persone attraverso l'esperienza dell'auto-trascendenza e la religione rimane la più importante forza attiva nella nostra cultura che sappia evocare e interpretare questo tipo di esperienza.

 

Ore 21.00

MERCOLEDI’ 8 Novembre

IL VIAGGIO

di Nick Hamm, GB 2016, durata 95’, film (Cristianesimo)

 

Due uomini uno protestante, il reverendo Ian Paisley leader del Partito Unionista Democratico e l’altro cattolico Martin McGuinnes del Sinn Féin acerrimi nemici trovano in quella giornata del 2006 un accordo di pace, sofferto ma tuttora duraturo. In tempi come questi, fatti di guerre, odio e muri che dividono, un film come Il viaggio che parla di speranza e pace, trova tutta la sua forza nell'importante messaggio che vuole comunicare: la voglia di unire un paese diviso.

 

MERCOLEDI’ 15 Novembre

MY AUSTRALIA 

di Ami Drozd, Israele, 2011, film , 96' (Ebraismo)

 

Polonia, 1960. Il piccolo Tadek e suo fratello, cresciuti come cattolici, fanno parte di una banda antisemita.  Quando vengono arrestati, la madre, sopravvissuta all'Olocausto, non ha altra scelta che rivelare al maggiore che in realtà sono ebrei. Attraverso le avventure e il punto di vista ingenuo e saggio di Tadek, il film esplora con sensibilità e umorismo i concetti di famiglia, casa, patria e identità in un mondo che il trascorrere dei decenni non ha reso meno complesso. Un dramma tenero e divertente basato su esperienze personali del regista.

 

VENERDI’ 24 Novembre

Una serata speciale quella che conclude la rassegna FEDI IN GIOCO – Cinema e dialogo interreligioso (2 edizione).

Fuori e dentro lo schermo si parlerà del velo islamico attraverso la testimonianza di donne musulmane che racconteranno la loro personale esperienza. Un’occasione da non perdere per “farsi una cultura del velo”

 

SLØR 

di Charlotte Schioler , Francia, Danimarca - 2014, corto,17'

 

MARIAM

di Faiza Ambah , Emirati Arabi Uniti, Francia, Arabia Saudita, Stati Uniti, Qatar – 2015, film, 45’ (Islamismo)

 

Slør (tradotto liberamente in Ri-velazioni), pluripremiato, spiazzante cortometraggio su quel che ci attende quando, letteralmente, ci mettiamo nei panni dell’altro. Nella Francia del XXI secolo le sfide inedite della convivenza in un mondo profondamente trasformato dai fenomeni migratori, sullo sfondo delle tensioni tra le forze opposte della secolarizzazione e del ritorno del sacro. Sono le stesse coordinate entro cui prende forma la ribellione di Mariam, adolescente di origine araba che a scuola non vuole togliere il velo come impone la legge francese. Il film ci mostra la vita e i problemi delle seconde o terze generazioni, tra identità, appartenenza, relazioni intergenerazionali, fedeltà e continua rinegoziazione di valori in uno scenario multiculturale

VITTORIA E ABDUL

DOMENICA e LUNEDI'19 - 20 NOVEMBRE

---

DOMENICA ore 15 e 21- LUNEDI' ore 21

EASY - UN VIAGGIO FACILE FACILE

GIOVEDI'23 NOVEMBRE

---

15 e 21

PADDINGTON 2

SABATO e DOMENICA25 - 26 NOVEMBRE

---

SABATO ore 15 - 17 - 21 - DOMENICA SOLO ORE 17




BIGLIETTO INTERO

6 euro

---

BIGLIETTO RIDOTTO

5 euro